PIEVE WELCOME

scopri l'esperienza museale pievese e le sue sedi espositive, i suoi eventi

Un Museo Diffuso

Visita Pieve e scopri cosa c'è da vedere e da fare nella Città delle Arti.
Welcome, Pieve Welcome! 
Scarica l'applicazione gratuita per il tuo smartphone, Android e iPhone.

 GOOGLE-PLAY-PIEVE

Apple-app-pieve

Un Polo Museale unico nel suo genere

La Pinacoteca Civica

Fondata nel 1980, è composta da circa 1200 opere esposte. Dal periodo tardo medievale, fino a opere del Cinque e Settecento. Vi si trovano opere di Giuseppe Maria Ficatelli, di Giuseppe Zola e di pittori formatisi nella bottega del Guercino come Benedetto Zallone e Matteo Loves. La Pinacoteca ospita una ricca collezione di opere di età contemporanea: sculture di Antonio Alberghini, lavori di Pirro Cuniberti, Norma Mascellani, Severo Pozzati (SePo), Luigi Veronesi e da quasi 300 opere grafiche italiane e internazionali. Tre raccolte di vetri d’autore del Novecento frutto di importanti donazioni dirette della Prof.ssa M. G. Tavoni, del Sig. Benfenati e della Prof.ssa M. E. Bargossi. 


Il Teatro Storico

Il Teatro Alice Zeppilli si trova nel Palazzo Comunale, la cui prima pianta risale al 1612, ma è nel ‘700 che l’edificio venne completato. Esempio raro di luogo per spettacoli all'interno di un palazzo pubblico, è il secondo in Italia, per ampiezza, tra quelli realizzati all’interno di una sede municipale. La sua edificazione si svolse a più riprese tra il Settecento e l'Ottocento. L'inaugurazione avvenne nel 1856 con la rappresentazione de “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi. Il palcoscenico ha come fondale un telero di fine '800 composto dall'assemblaggio di 11 tele sul quale è rappresentato “Esopo che parla ai pastori”, opera del pittore modenese Adeodato Malatesta (autore del sipario del teatro comunale di Modena). Il teatro è intitolato ad Alice Zeppilli, insuperato soprano dalla carriera straordinaria.


Il Museo della Musica

Inaugurato nel 2013 all’interno del foyer del Teatro, il Museo racconta la tradizione musicale di Pieve attraverso documenti, strumenti, oggetti d’epoca e fotografie.

Le radici musicali pievesi affondano in antiche espressioni: le prime notizie sulle campane e sui campanari risalgono al 1330; la banda musicale paesana è già nota dal 1831 e fra le più antiche costituite in Italia, infine la tradizione della liuteria ha origini locali note già dalla fine del Seicento quando Michele Angelo Garani, di origini pievesi, diventerà a Bologna uno dei migliori liutai della prima metà del Settecento. 


Il Museo della Canapa

Situato a Porta Asia (1342), la più popolare delle quattro porte pievesi. Pieve di Cento rappresenta un caso raro tra i borghi di origine medievale, per la conservazione delle quattro porte di accesso al paese, integre e riqualificate negli anni. Il museo ripercorre, attraverso gli attrezzi da lavoro e le foto, le numerose fasi della lavorazione della canapa che tanta importanza ebbe nell’economia locale, dal 1300 fino al secondo dopoguerra.


PROSSIMI EVENTI IN PROGRAMMA


PROSSIME MOSTRE IN PROGRAMMA

Musei privati e gallerie


Il Museo MAGI '900

Fondato dal collezionista d’arte pievese Giulio Bargellini (fondatore della celebre ditta OVA), è un museo privato inaugurato nel 2000. Ha sede nell’ex silo granaio comunale costruito nel 1933, riqualificato alla fine degli anni ’90 a firma dell’architetto Davanzo. Vi si trovano opere scultoree e pittoriche dei più importanti artisti del primo Novecento italiano, con esempi illustri quali dipinti di Morandi, De Chirico, Guttuso, Burri, Fontana. Alla corposa raccolta, va ricordato che, a seguito del terremoto del 2012, il museo ospita le opere pittoriche della Collegiata fra cui le pale d’altare di Guido Reni e Guercino.


L'Associazione Il Ponte

L’associazione artistico culturale Il Ponte si propone di riunire artisti e amatori interessati a ogni forma di arte che non siano mossi da mire di lucro o da finalità politiche, organizza mostre e manifestazioni culturali, sostiene ogni iniziativa intesa a valorizzare il pensiero e il prodotto artistico. 

 
Comune di Pieve di Cento @ Tutti i diritti riservati 2016